Istria: 5 tappe per capirne la vera essenza

Condivisioni:
Share

Città di Rovigno: l'atmosfera che incontra l'emozione!https://www.msn.com/it-it/viaggi/notizie/istria-5-tappe-per-capirne-la-vera-essenza/ar-BBGDhbX?li=BBqg4eo

Istria luogo preferito per le vacanze estive, é una penisola Croata, Slovena e in parte anche Italiana; famosa per la produzione di buon vino, dell’olio d’oliva e soprattutto per l’estrazione della caratteristica pietra d’Istria. Affacciata sull’Adriatico, é ricca di bellissime città dal sapore antico e non, da visitare per lunghi o brevi soggiorni tra cui Pola, Rovigno, Medulin, Porec o Parenzo, Umag, Novigrad, Rabac . Tutte hanno infrastrutture turistiche ben organizzate come hotel, pensioni, case vacanza con piscine e campi da tennis, agriturismi e centri benessere. Le lunghe spiagge di sabbia sono attrezzate con resort per passare una tranquilla giornata al mare e, per i più coraggiosi, Istria dona loro, baie e insenature tutte da scoprire. E allora possiamo proprio dirlo: ad Istria non manca proprio nulla! Tra spiagge, vicoli pittoreschi e locali caratteristici abbiamo l’imbarazzo della scelta, in estate come in inverno.

Vi proponiamo un tour di 5 tappe per scoprire la vera essenza di Istria

Parenzo, dove non esiste il trascorrere del tempo – Con il fascino dell’antico e un tocco di romanticismo, il vostro viaggio non puó che iniziare da qui ; partendo dal nord della penisola troviamo Parenzo. Di origini romane, la città si é svillupata intorno al porto protetta dall’isolotto di San Nicola raggiungibile in cinque minuti di navigazione. La pianta della città mostra ancora l’antica struttura del castrum romano mentre la piazza offre la vista di due templi, di cui uno dedicato al Dio Nettuno e la torre pentagonale. Con il passare del tempo la città ha acquistato diverso influssi e lo notiamo da alcune strutture in stile gotico veneziano, case romaniche, le chiese francescane e palazzi in stile barocco. Da non perdere é la visita alla Basilica Eufrasiana, opera bizantina che risale al V secolo, con mosaici che adornano l’interno e la facciata della struttura. Considerata come principale monumento della città e protetta dall’Unesco dal 1997.

Pola, tra storia e leggende – La città di Pola é un importante centro portuale. Si estende su sette colli come Roma: Castello, Zaro, San Michel, Castagner, Monte Ghiro, San Martin, Monte Paradiso. Tra leggende e monumenti vi sembrerà di rivivere la storia della città. Le epoche, degli istri, dei romani e dei veneziani trascorse, hanno lasciato una grande eredità al luogo. L’opera di maggiore rilevanza é l’Arena, teatro di battaglia dei gladiatori e leoni ; funge come simbolo per la città ed è tra gli anfiteatri romani meglio conservati. Aperti al pubblico sono inoltre il Tempio di Augusto, la porta di Ercole, il castello veneziano e il Duomo di Pola. In città verrete ammaliati dalle leggende raccontate dagli abitanti, dal mito degli argonauti alla ricerca del tosone d’oro. Per gli amanti delle lunghe passeggiate tra il verde e il profumo della natura, Pola offre inoltre svariati giardini percorribili.

Rovigno,il romanticismo è ciò che tocca la sensibilità e la invita all’emozione. (Atsuro Tayama) – Rovigno è protetta da un lato dalle case erette sulle rocce della costiera e dall’altro lato dalle robuste mura risalenti al XII secolo. Si accedeva alla città attraversando una delle sette porte messe a disposizione, tre delle quali ancora presenti oggi. Attraversando una delletre porte, entrando nella città vecchia e dopo aver attraversato l’arco barocco dei Balbi, per un momento vi sembrerà di aver fatto un viaggio a ritroso nella storia con un’invisibile macchina del tempo, continuando poi a percorrere i piccoli vicoli pittoreschi si arriva davanti alla famosa chiesa di Santa Eufemia protettrice della città. Da vedere é anche il castello di Sant’Andreaoggi trasformato in un grazioso albergo.

Le Isole Brioni, per un soggiorno in relax – L’arcipelago comprende 14 isole che dal 1993 sono divenute parco nazionale delle Brioni. Sulle isole sono presenti siti archeologici e centri di cultura come ad esmpio il Museo archeologico, i resti di due ville romane del II secolo d.C., le rovine di un castello bizantino e la chiesa di Santa Maria, risalente al XIII secolo, che fu costruita dai templari. Nell’isola Brione maggiore, sono state ritrovate 200 impronte di dinosauri risalenti al periodo Cretaceo. Le isole sono divenute l’habitat naturale di rare specie di animali e di piante mediterranee ed esotiche.

Medolino o Medulin, la caratteristica città costiera – Lunghe spiagge di sabbia, insenature dai ciottoli bianchi, un mare perfettamente pulito e un golfo che racchiude il tutto :questa é la meta perfetta per le vacanze in famiglia. Tra le incantate spiagge a far da regina, su una una collina dell’entroterra, si trova la chiesa di Nostra Signora della Salute. Medulin, costruita su resti d’insediamenti preistorici, é la baia più articolata d’Istria. Comprende anche le isole di Porer, Fenoliga conosciuta anche come l’isola dei Dinosauri, la secca degli Albanesi a sud di Premantura, Pomer e Veruda. Non vi lascerà indifferenti, infine, il parco naturale di Kamenjak, con i suoi indimenticabili tramonti e la pace infinita che lo circonda.

Istria: 5 tappe per capirne la vera essenzaultima modifica: 2017-12-16T23:08:08+01:00da alessandro54
Reposta per primo quest’articolo
Condivisioni:
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *