Istria, Regione sicura. Appello alla Slovenia

Condivisioni:
Share

articolo: https://lavoce.hr/cronaca/cronaca-polese/istria-regione-sicura-appello-alla-slovenia

C’è posta per il premier sloveno, Janez Janša. Il timbro postale è quello della Repubblica di Croazia, ma la missiva parte dalla Regione istriana e ha come firmatari il ff di presidente della Regione Fabrizio Radin e i sindaci delle Città della penisola. Una lettera-appello per gettare acqua sul fuoco delle… incomprensioni e drastiche misure figlie del rinvigorimento del contagio da Sars-CoV-2. Infatti, a un certo punto della stagione turistica, il rassicurante zero sul versante dei nuovi contagi, raggiunto con non pochi sacrifici, si era sciolto e i bollettini del Comando regionale della Protezione civile sempre più spesso riportavano di nuovi casi di contagio. Poca cosa, in penisola, tenuto conto della popolazione, diciamo, abituale e del comunque considerevole numero di turisti che avevano inteso visitare l’Istria. Altrove sul territorio nazionale i numeri si erano fatti oltremodo seri. Già in previsione della stagione vacanziera alcuni Paesi avevano inteso correre ai ripari e invitare i propri cittadini a restarsene a casa, vuoi per una questione sanitaria, vuoi per un aspetto più materialmente finanziario. La Croazia era comunque considerata sicura dal punto di vista epidemiologico, per cui la stagione turistica data morta aveva dato, seppure deboli, segni di vita. Alcuni focolai che presto erano diventati roghi avevano fatto sì che i Paesi di provenienza dei turisti decidessero di inserire il freno a mano, disponendo una sorta di isolamento – quarantena di varia durata per i villeggianti al rientro nei patri lidi. Da verde, la Croazia era diventata di un meno gradevole colore arancione, per finire poi tinta di rosso negli occhi di alcune capitali europee. continua a leggere 

Istria, Regione sicura. Appello alla Sloveniaultima modifica: 2020-09-02T12:49:34+02:00da alessandro54
Reposta per primo quest’articolo
Condivisioni:
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *