L’esodo giuliano-dalmata alla Mostra di Venezia

Condivisioni:
Share

articolo: https://lavoce.hr/cultura-e-spettacoli/lesodo-giuliano-dalmata-alla-mostra-di-venezia

È uno dei rari film che tratta la travagliata pagina di storia dell’esodo giuliano-dalmata, della frattura subentrata all’indomani della Seconda guerra mondiale e del trattato di Parigi del 10 febbraio 1947, che decretò il passaggio dell’Istria alla Jugoslavia. Quasi contemporaneo a quegli eventi, unendo sapientemente storia e finzione, “La città dolente” di Mario Bonnard segue le vicende di Berto (interpretato da Luigi Tosi), un operaio italiano di Pola, che pagherà a caro prezzo la scelta di restare a Pola, allettato dalle promesse del regime jugoslavo a Pola. Una decisione controcorrente rispetto alla stragrande maggioranza dei suoi concittadini, oltre 30mila “polesani” che hanno scelto la strada dell’esilio, compresa sua moglie e il figlioletto. Berto ben presto scoprirà, con amarezza, che era stata solo una grande illusione. Per aver manifestato apertamente il suo dissenso nei confronti del nuovo sistema, sarà arrestato e inviato in un campo di concentramento per essere “rieducato”. Riuscirà a fuggire e cercherà di dirigersi in barca verso l’Italia, ma le guardie di frontiera lo uccideranno con una raffica di mitragliatrice.
A distanza di oltre settant’anni, resta la pellicola più significativa su quest’argomento. Prestigiosi i nomi che affiancarono Bonnard nella realizzazione, da Anton Giulio Majano, Aldo De Benedetti, Federico Fellini, che collaborarono alla sceneggiatura, a Tonino Delli Colli, autore della fotografia. Nel cast, nel ruolo di una funzionaria del partito di Tito, anche l’attrice americana Constance Dowling, di cui era innamorato Cesare Pavese che, dopo essere stato abbandonato da lei, si suicidò nel 1950. Un film che si è visto poco quando è uscito, classificato come “adulti con riserva”. continua a leggere
L’esodo giuliano-dalmata alla Mostra di Veneziaultima modifica: 2020-09-10T12:25:01+02:00da alessandro54
Reposta per primo quest’articolo
Condivisioni:
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *