Croazia. La pandemia della violenza domestica: +50%

Condivisioni:
Share

articolo: https://lavoce.hr/attualita/croazia-la-pandemia-della-violenza-domestica-50

In Croazia sono aumentati del 50%. rispetto allo scorso anno i reati legati alla violenza domestica: lo ha sottolineato la presidente della Commissione parlamentare per la parità dei sessi, Marija Selak Raspudić. Secondo i dati riguardanti il periodo compreso tra aprile e ottobre del 2020, è salito il numero di maltrattamenti in famiglia – 752 sono stati i reati quest’anno contro i 511 del 2019. L’incremento della violenza domestica, registrato in tutto il mondo, è stato provocato, secondo Marija Selak Raspudić, “dall’imposizione di regole che limitano gli spostamenti, per cui le persone sono costrette a passare più tempo nelle proprie abitazioni, il che per le vittime di violenza domestica si traduce in più situazioni critiche”.

Condivisioni:
Share

Fiume, una città che non smette di scorrere

Condivisioni:
Share

articolo: https://lavoce.hr/attualita/fiume-una-citta-che-non-smette-di-scorrere-foto?fbclid=IwAR3Fd3P81AYjXY0GMzxMXs6mIUCNEE2Y_helKhRhq7PpaICLG1ipcmgIvks

Condivisioni:
Share

Croazia. Censimento 2021: diverbi sulla madrelingua

Condivisioni:
Share

articolo: https://lavoce.hr/attualita/croazia-censimento-2021-diverbi-sulla-madrelingua

Condivisioni:
Share

Domenica torna l’ora solare: lancette indietro di un’ora

Condivisioni:
Share

articolo: https://lavoce.hr/attualita/domenica-torna-lora-solare

Condivisioni:
Share

Rovigno. CI e DDI: confermata l’intesa

Condivisioni:
Share

articolo: https://lavoce.hr/cronaca/cronaca-istriana/rovigno-ci-e-ddi-confermata-lintesa

A Palazzo Milossa, sede della Comunità degli Italiani di Rovigno, si è tenuto un incontro tra la dirigenza del sodalizio e quella della Sezione cittadina della DDI, per fare il punto della situazione in merito all’Accordo elettorale sottoscritto nel 2017.

All’incontro hanno partecipato, a nome della DDI, il presidente e il vicepresidente della sezione, rispettivamente Branko Rajko e Donald Schiozzi, nonché i membri della presidenza, Marko Paliaga (sindaco di Rovigno) e Valerio Drandić (presidente del Consiglio municipale). Presente quale ospite, l’assessore regionale per la CNI e gli altri gruppi etnici, Tea Batel. A nome della CI di Rovigno hanno presenziato la presidente, Roberta Ugrin, il presidente della Giunta esecutiva, David Modrušan, la vicepresidente, Patrizia Malusà e i consiglieri della CI Marino Budicin, Nives Giuricin e Silvano Zilli.
Nel corso dell’incontro si è parlato della realizzazione dei contenuti dell’accordo elettorale siglato tra il partito regionalista e il sodalizio. In particolare sono stati affrontati i temi inerenti il ripristino dello studio della lingua italiana come lingua dell’ambiente sociale e la mancata applicazione del Trattato tra la Repubblica di Croazia e la Repubblica Italiana sui diritti delle minoranze, firmato nel 1996 ed entrato in vigore nel 1998. Nello specifico, i rappresentanti della CI hanno presentato i provvedimenti approvati all’ultima riunione del Consiglio della CI. Dopo la disamina dei temi, i presenti hanno rilevato la necessità di preparare assieme all’Assessorato regionale delle schede informative sulle questioni emerse per poi intraprendere delle azioni mirate, con il coinvolgimento dei deputati della DDI, presso le varie istanze statali competenti.

L’Assessore regionale Tea Batel ha presentato e sottolineato l’impegno profuso per il mantenimento del bilinguismo e dello studio della lingua italiana in tutte le scuole della maggioranza nelle unità d’autogoverno locale che nei loro Statuti prescrivono l’uso ufficiale paritetico delle lingue croata e italiana.

I presenti hanno rilevato l’importanza delle legittime richieste formulate dalla CI di Rovigno e hanno pertanto assicurato il loro massimo sostegno, nell’ambito delle proprie possibilità, per l’inclusione delle richieste nell’agenda del governo e del Parlamento. Dovesse rendersi necessario, ci si rivolgerà anche alla Corte costituzionale della Repubblica di Croazia.
L’incontro ha confermato ulteriormente l’affinità del Programma politico della DDI – Sezione di Rovigno e dell’Orientamento programmatico della CI “Pino Budicin”.

Condivisioni:
Share