Cent’anni fa le truppe italiane aprirono il fuoco su i legionari Fiumani, inizia il Natale di sangue, finisce l’esperienza Fiumana…

Condivisioni:
Share

articolo: https://www.facebook.com/?sk=h_chr

img_2026

Dopo più di un anno la “Reggenza del Carnaro” finisce sotto i colpi dell’esercito italiano, i Legionari e D’Annunzio sono sloggiati da Fiume…

La guerra è ormai finita da tempo, ma l’Italia, dopo 4 durissimi anni di battaglie, dopo un milione di caduti tra soldati e civili, dopo aver trionfato gloriosamente a Vittorio Veneto, non si vede riconosciuta appieno la vittoria.
Si, perché Istria, Fiume e Dalmazia, territori a maggioranza o comunque a forte presenza italiana, vengono concessi ai popoli slavi dai trattati di pace.
La rabbia è enorme, la figura pessima, il governo imbelle.
Succede così che sotto il comando e la guida di Gabriele D’Annunzio, poeta, combattente, eroe romantico e uno dei più grandi italiani di tutti i tempi, 2600 uomini del Regio Esercito Italiano marciano su Fiume, città simbolica perché a grande maggioranza italiana e vi entrano, senza resistenza, tra la folla festante.
Nasce da questa “Santa Entrata” la Reggenza Italiana del Carnaro durante la quale, tra le altre cose, viene scritta una delle costituzioni piú all’avanguardia dell’epoca, nella quale è concesso il diritto di voto alle donne per la prima volta su suolo italiano.
Il sogno dura per più di un anno.
Dopo una resistenza eroica, il 31 Dicembre 1920, D’Annunzio è costretto a firmare la resa e accettare il trattato di Rapallo.
L’esperienza fu causa scatenante per due eventi.
Da una parte, in essa, iniziano a germogliare quei semi che porteranno alla presa di potere del fascismo che nel 1924 riporterà in Italia la città dell’impresa dannunziana, dall’altra, il sacrificio per la patria di quegli eroi, rimarrà indelebile per generazioni a ricordare cosa è possibile fare in nome della propria terra.
Ancora oggi, 100 anni dopo, anche se di nuovo in mano straniera, Viva Fiume Italiana!

Condivisioni:
Share

Dialetto fiumano: su Zoom si è entrati nel vivo

Condivisioni:
Share

articolo: https://lavoce.hr/cultura-e-spettacoli/dialetto-fiumano-su-zoom-si-e-entrati-nel-vivo

 

Condivisioni:
Share

D’Annunzio e Fiume: poesia e ricerca storica

Condivisioni:
Share

articolo: https://lavoce.hr/cultura-e-spettacoli/dannunzio-e-fiume-poesia-e-ricerca-storica

La conferenza online organizzata dalla Federazione delle Associazioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati, dedicata all’impresa del capoluogo quarnerino, ha visto la partecipazione di numerosi storici e accademici italiani
La sfilata del 20 settembre 1920
D0ANNUNZIO_12_91920__1_-696x407

La Federazione delle Associazioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati insieme ad altre associazioni culturali ed istituzioni di ricerca ha organizzato la conferenza online intitolata “D’Annunzio e Fiume a 100 anni dall’impresa: un laboratorio di idee ed utopie”. L’incontro virtuale si è potuto seguire sia su Facebook, con una diretta dalla pagina LimesClub Verona, che su Youtube, dal canale del LimesClub Verona.

Moderatore dell’incontro è stato l’avvocato Mattia Magrassi, presidente del LimesClub Verona, mentre è intervenuto, eseguendo alcune letture, Paolo Valerio, direttore del Teatro Stabile di Verona, tra cui un brano di Tommaso Marinetti dei momenti precedenti all’impresa di Fiume, un brano del “Poema di Fiume”, il discorso di D’Annunzio a Fiume del 12 settembre 1919, nel quale cita la celebre frase “Fiume è come un faro luminoso che splende in mezzo ad un mare di abiezione”, il discorso del 24 dicembre 1920 in cui d’Annunzio afferma: “Il delitto è consumato. Le truppe regie hanno dato a Fiume il Natale funebre. Nella notte trasportiamo sulle barelle i nostri feriti e i nostri morti. Resistiamo disperatamente, uno contro dieci, uno contro venti” e il testo d’apertura della Carta del Carnaro.
Nel corso del seminario sono stati presentati tre volumi freschi di stampa: di Giuseppe de Vergottini, “La Costituzione secondo D’Annunzio”, Luni, Milano 2020; Davide Rossi (a cura di), “La città di vita cento anni dopo. Fiume, D’Annunzio e il lungo Novecento adriatico”, Wolters Kluwer Cedam, Padova 2020; Emanuele Merlino (a cura di) e “La sola ragione di vivere. D’Annunzio, la Carta del Carnaro e l’esercito liberatore”, Passaggio al Bosco, Firenze 2020. continua a leggere

IMPRESA_DI_FIUME-696x433

Condivisioni:
Share

Gli italiani di Dalmazia e il Trattato di Rapallo

Condivisioni:
Share

articolo: https://lavoce.hr/esuli-e-rimasti-la-voce-del-popolo/gli-italiani-di-dalmazia-e-il-trattato-di-rapallo

Condivisioni:
Share

A Milano il monumento in ricordo dei martiri di tutte le foibe….

Condivisioni:
Share

A Milano il monumento in ricordo dei martiri di tutte le foibe e dell’esodo giuliano-dalmata

131110333-1d34b2e3-09b6-47ff-bf4f-c822f3d0aa6f

articolo: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/10/10/foto/foibe_stele_della_memoria_milano-270093633/1/#1

Alla presenza anche dei sindaci di Trieste, Roberto Di Piazza, e Gorizia, Rodolfo Ziberna, insieme a quello di Milano Beppe Sala, è stato inaugurato il monumento per le vittime delle foibe in piazza della Repubblica. “È l’omaggio che la città finalmente rende a queste vittime – ha detto Sala – Sulla stele che emerge da una roccia, sistemata nei giardinetti di PUna testimonianza della volontà di mantenere viva memoria e rispetto: tutta Milano è qui oggi e forse ci è voluto troppo tempo per questo monumento”.  Sulla stele che emerge da una roccia, sistemata nei giardinetti di Piazza della Repubblica (una tempo, come ha ricordato Sala, denominata piazza Fiume) c’è scritto  ‘a perenne memoria dei martiri delle foibe, degli scomparsi senza ritorno e dei 350mila esuli dalla Venezia Giulia, dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia 1943-1945‘. All’inaugurazione tante associazioni, come quella Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, le Comunità istriane e di Fiume. Presenti anche ex esuli e parenti delle vittime delle foibe. All’inaugurazione anche Rosita Missoni, vedova di Ottavio, esule della Dalmazia. Il monumento, che che intende ricordare una tragedia riconosciuta dal Presidente della Repubblica, è stato donato al Comune di Milano dal Comitato Pro – monumento, con il generoso contributo di Fondazione Bracco, ed è stata progettata dall’esule istriano Piero Tatricchio. L’Amministrazione ha contribuito attivamente alla realizzazione dell’intervento realizzando il basamento dell’opera, provvedendo al suo trasporto dal laboratorio e alla sua allocazione in piazza della Repubblica. La struttura è composta da due blocchi di pietra inseriti uno sull’altro, per un’altezza complessiva di 4 metri e raffigura un uomo in fondo a una foiba, immagine simbolo della sofferenza e del martirio di migliaia di vittime dei tragici accadimenti avvenuti tra il 1943 e il 1954. L’epigrafe riporta la scritta “A perenne memoria dei martiri delle foibe, degli scomparsi senza ritorno e dei 350.000 esuli dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia”.131109995-4acf231b-8435-464d-98d7-63dc363c765d

https://www.facebook.com/UnioneIstriani/videos/1057950577982479

Condivisioni:
Share